Archivio per marzo, 2010

Dario Fo

Pubblicato: 31/03/2010 in Uncategorized

Una canzone,bellissima.

Pubblicato: 30/03/2010 in Uncategorized

Dedicato al Kavalier Silvio

Pubblicato: 28/03/2010 in Uncategorized

Al liceo linguistico nuovi laboratori
per gli esperimenti

( A San Giuliano Milanese  c/o la sede staccata del  Liceo Primo Levi di San Donato M.se )


Nuovi sviluppi per il liceo linguistico di via Trieste, dove all’ultimo piano dell’edificio verrà allestito un moderno laboratorio per gli esperimenti di chimica. Il liceo statale Primo Levi ha già pubblicato il bando di appalto per dotare la struttura decentrata di San Giuliano di questa nuova area completa di attrezzature, che verrà messa a disposizione degli studenti. «Sino ad ora – spiega il preside, Piervirginio Bagnacani -, gli studenti alcune volte all’anno, quando necessitavano del laboratorio, si recavano presso la nostra sede centrale di San Donato. Con questo passo, già previsto sin dagli anni scorsi, il distaccamento avrà maggiore autonomia». Il progetto, che tra aggiudicazione del bando e realizzazione dei lavori dovrebbe trovare sviluppi concreti entro la fine dell’anno in corso, in realtà doveva già decollare in passato, ma l’istituto ha dovuto attendere che venisse completata la ristrutturazione dei locali, quale tornata conclusiva dei lavori che nel tempo hanno completamente adattato il vecchio complesso di scuola elementare alle nuove esigenze che è stato chiamato a svolgere. Dando un occhio ai documenti della gara, si parla addirittura di uno spazio flessibile, che possa fungere da «laboratorio integrato fisico/chimico/biologico». Se pertanto negli anni scorsi l’amministrazione comunale aveva anche accarezzato l’idea di potenziare l’offerta formativa dell’unica scuola superiore presente sul territorio di San Giuliano, che ospita peraltro un’elevata concentrazione di giovani, per il momento gli obiettivi puntano a completare la dotazione esistente. Per il resto, qualsiasi ulteriore prospettiva è rimasta appesa alla riforma, pertanto solo alla luce delle novità introdotte gli addetti ai lavori potranno guardare al futuro della formazione, soprattutto laddove si parla di aggiungere nuove alternative alle offerte esistenti. L’iniziativa di partire con un liceo linguistico, che conta ogni anno una quarantina di nuovi iscritti che hanno consentito il mantenimento di due sezioni, era stata a suo tempo formulata con l’idea di diversificare le opportunità, in base anche a quanto già esisteva. In ogni caso il tratto sangiulianese di via Trieste, in attesa di eventuali sviluppi, con la nuova moderna dotazione in arrivo, si sta affermando sempre più come indirizzo didattico ben attrezzato, punto di riferimento per i ragazzi provenenti da un vasto bacino di utenza.

Fonte: Il Cittadino, quotidiano del lodigiano del 18/03/2010
(tutti i diritti rimangono dei legittimi proprietari)

Io sostengo, l’impegno civile e culturale di
Giulio Cavalli,
Scrittore, autore e attore teatrale, candidato indipendente nella lista dell’IdV
alle Elezioni per il Consiglio Regionale della Lombardia
28 e 29 marzo 2010

(Enzo D’Onofrio – promotore di LocateViva.it)


Quì il programma del convegno domenicale del 21 marzo

«Chi siamo, di dove veniamo, italioti miei ?
Quale portentoso mescolone abbiamo perpetrato amandoci con tanto ardore
(e quasi sempre senza acqua corrente?)».

(Gianni Brera, L’Arcimatto, «Il Guerin Sportivo», 9 dicembre 1968).


Un concorso letterario per racconti inediti e un tema inevitabilmente attuale, quello dell’italiano «e l’altro», suggerito dalla frase dell’arguto scrittore e cronista sportivo.Otto finalisti, ora autori pubblicati, inventano (o, meglio, raccontano) altrettante storie. C’è chi parla di badanti (Sutter). Chi narra di un possibile viaggio nel futuro, ipotizzando sviluppi non proprio rassicuranti (Caravaggi). Conti indirizza la propria fantasia alla clandestinità e all’accoglienza, tra il presente e un passato non troppo remoto. C’è chi ci ricorda di quanto fosse difficile la comunicazione e l’intesa tra italiani di diverse regioni, fino a qualche decennio fa… (Guerra). Un autore ci parla di prosaiche (dis)avventure con la cucina cinese (Garroni). Qualcun altro fotografa un’ordinaria tragica storia di lavoro nero, nella quale la legalità è tutta degli stranieri e l’illegalità è appannaggio degli italici datori di lavoro (Graziani). Gessi ci introduce nel mondo della scuola, dove l’integrazione sembra essere una conquista difficile. Brera – giornalista, scrittore e anche figlio di Gianni, che ha partecipato al concorso sotto pseudonimo, rivelando la sua identità una volta entrato nella rosa dei finalisti – dimostra quanto sia radicata l’equazione immigrati uguale delinquenti. Ma il libro contiene anche due «tracce bonus», due racconti di scrittrici/giurate del concorso: Amadesi, che «svolge il tema» raccontando una storia di cavalli (anzi: di cavalle); e Sangiorgi, determinata nello smontare il luogo comune della badante subdola in cerca di un pollo con cui accasarsi.

L’introduzione è di Tahar Lamri, scrittore algerino che vive in Italia da molto tempo.

Discanti Editore

Pagine : 128
Prezzo : 12,00
Anno 2010